"Lettere alla mia mamma"

: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/unaviolarosa/includes/unicode.inc on line 311.

Mi rendo sempre più conto di quanto sia difficile a volte esprimere i propri stati d'animo. Oggi mi trovo con tanta tristezza dentro che non riesco ad esprimere a parole.
Siccome voglio rendervi partecipi di cio' che mi sta turbando in questi giorni vi riporto un messaggio di mia sorella pubblicato sul proprio blog.
Questo messaggio è intitolato: "Lettere alla mia mamma".

GG 25-10-07 H.22.30

sono passate già 40 ore da quella sera che ha cambiato il nostro modo di vivere e affrontare le cose.E' facile trovare parole di conforto ed essere fiduciosi x l'avvenire quando succede una disgrazia a qualcun altro ma così nn è quando il presente cambia radicalmente a noi senza nessun preavviso e quando meno ce l'aspettiamo. La mia mammina da martedì non è più la stessa.E' stata colpita da un ictus e non possiede più l'uso del linguaggio no nè tantomeno riesce a mettersi in piedi con le sue gambe.Facile dire "bisogna essere forti","si rimetterà presto",bla,bla,bla ma per quanto mi riguarda sono ancora nella fase di shock,tutto mi sembra un bruttissimo,tremendo incubo dal quale presto dovrò svegliarmi,ritrovarmi al calduccio nel mio letto,correre giù per le scale, abbracciare mia mamma e raccontarle del mio brutto sogno. E invece non è così,mi ritrovo in una stanza d'ospedale con tanti perchè e tanta paura nel futuro.Le domande che più mi pongo sono:

-guarirà? e semmai guarirà quando?

-soffre fisicamente? e psicologicamente?

-posso fare qualcosa per aiutarla? cosa?

-Dio ci aiuterà? ce lo meritiamo? E' il caso di invocarlo solo nel momento del bisogno?

Potrei stare qui a parlare di tutti i miei perchè ma stranamente dopo quel che è successo sono fiduciosa e ho tanta forza dentro (e credo che ce ne voglia davvero tanta), penso a mia madre,a come possa sentirsi dentro,al senso di impotenza che prova e che proviamo tutti in una situazione che non ha soluzioni in cui l'unico rimedio credo e spero sia il tempo.

A volte però mi assale la paura, la paura di perdere mia mamma, la paura di disgregazione della mia famiglia come se già non lo fosse..

Vorrei poter guardare il futuro anche solo per un attimo e vedere cosa esso ci riserverà e proteggere tutta quanta la mia famiglia sotto la mia ala. Ma più penso a quello che vorrei e più mi sento impotente.

Mamma ti voglio bene.

H. 23

Mamma,

mi manca la tua voce, il tuo sorriso, i tuoi baci, i tuoi abbracci, le tue urla, il tuo malumore, le tue chiacchierate al telefono, la tua cadenza nel parlare, il tuo essere normale.

Vorrei poter fare di più di quel che faccio ma non posso e questo mi fa stare male. Tutto mi fa stare male. Tutto è veramente vuoto e insensato senza di te. Tu sei il mio baricentro,il mio punto di riferimento, senza di te sono persa. Mamma mi manchi mamma come faccio senza di te ,cosa devo fare, cosa posso fare, come devo reagire.. Io non lo so, a volte sembra che sia passato chissà quanto tempo dall'accaduto, a volte sembra che sia sempre lo stesso terribile giorno che non vuole mai finire, non vuole mai tramontare.

Ti vedo dormire e sembri serena speriamo continui per tutta la notte così. Io ho altro a cui pensare. Ho da pensare a te. Buonanotte mamma.

...

Mamma perchè non ti sei mai fatta controllare, perchè abbiamo questa mentalità retrograda! Ma tu che ci fai in un letto d'ospedale!? Questo non è il tuo posto. Questo non lo deve mai essere. Sono arrabbiata con te mamma. Sono arrabbiata per la tua trascuratezza nei tuoi confronti che ha fatto arrivare noi tutti qui dove siamo. In un mare di lacrime e dolore.

E intanto tu stai zitta e non parli.. Povera mamma. La tua vita insoddisfatta ti ha portato anche questo. Povera la mia mamma.

E spero ancora in un miracolo.. che tutto torni alla normalità così come è arrivato: improvvisamente.

Ogni volta che rileggo queste parole scritte dalla mia sorellina mi viene da piangere.
Non voglio aggiungere nient'altro.

Commenti

valentina

ciao piccola,
so che è un periodo un po particolare e tutti soffriamo indistintamente anche se abbiamo modi diversi di esprimere il nostro stato d'animo..Sono già passate quasi due settimane e anche se è dura riusciamo a farci forza e combattere.. questa è l'unica cosa di cui sono fiera e che mi fa andare avanti e dare il massino per te,per papà e soprattutto per LEI.
Io ci credo veramente quando dico che la mamma piano piano si riprende e riuscirà a venirne fuori nel migliore dei modi.. bisogna solo avere tanta e tanta fiducia e perseveranza.Non mi spaventa tanto il futuro se vi sento tutti così vicini.
Ti voglio bene culiciddu mì.
..e sii forte.
Baci

FabryProg

Putroppo non so cosa scrivere... ho cancellato, aggiustato ricancellato questo post piu' di una volta... la verita' e' che nn ci sono parole x descrivere quello che state passando.....
Nonostante cio' volevo lasciare la mia firma ugualmente, per farvi capire che v penso sempre... siate forti!

FABRY!

francesca

ho letto la lettera,ed ho pianto a dirotto cm 1 bambina....avete ragione ma proprio in questo momento nn ci sn parole per farvi stare bene, se nn uscire tutta la forza ke avete dentro e dare serenità alla vostra mammina.Io sn fiduciosa e prego il buon DIO che possa guarire al + presto....

Tommy

Anch'io non so proprio che scrivere e cosa dire.. spero che il signore faccia tornare tutto come prima... Quando accadono cose brutte io mi chiedo sempre: PERCHè??? La risp non c'è mai... purtroppo ci si deve rimboccare le maniche e andare avanti sperando che il buon Dio si accorga che è un'ingiustizia e riaggiusti tutto... Vorrei poter avere una bacchetta magica per sistemare tutto.. ma purtroppo l'unica cosa che posso fare è pregare tanto perchè questo brutto evento nel tempo diventi solo un brutto ricordo e la vostra mammina torni a stare anche meglio di prima...
con tanto affetto...
il tuo caro amico tommy

teresa

posso dirti che almeno tu la vedi la tua mamma...
si capisco che è dura vederla in quello stato...
ma almeno è lì...puoi accarezzarla, puoi parlarci, puoi raccontargli le tue giornate...
ti auguro che questo brutto momento passi presto...
abbi tanta speranza!
nonostante non ti abbia mai conosciuto di presenza, e mi dispiace per questo, mi hanno parlato di te come una ragazza solare,allegra,con tanta forza e voglia di vivere..
ti mando un grosso abbraccio e nel mio piccolo ti posso solo dire
FORZA E CORAGGIO!
non smettere mai di lottare!
ciao rosy

Rossana

Cara Rosalba,
mi dispiace tanto per te la tua sorellina ed il tuo papà.
Ho letto i pensieri di tua sorella e attraverso quelli vedo il tuo stato d'animo. lo so non è facile, non lo è proprio. Magari ti chiedi perchè proprio io! Perchè proprio la mia
famiglia! Perchè proprio mia mamma?
Non fatevi tante domande, purtroppo nessuno vi potrà mai dare una risposta. Purtroppo è così. Di solito si crede che le cose succedano solo agli altri, e invece una mattina ti svegli e ti rendi conto che la tua vita è cambiata, che qualcosa è successo, che la tua quotidianità non è più quotidianità. Ti trovi a dover affrontare situazioni che mai ti saresti immaginata. Entri a contatto con un mondo al quale capita di non pensare mai, fin quando il destino non ti ci butta dentro, l'ospedale. Tutto assume un 'altro aspetto. Ma siamo tutti sotto lo stesso cielo, tutto può accadere a tutti.
Adesso ci siamo dentro fino al collo e l'unica cosa che possimo fare e non smettere mai di sorridere, non pensare mai di aver perso la partita altrimenti sei già perdente, e non perdere mai la speranza, e se ci credi prega, qualcuno lassù ti ascolterà o almeno si spera che qualcuno ti senta. Questo è quello che faccio io ogni giorno.
Stai vicino alla tua mamma, siete voi che dovete riuscire a darle la forza di andare avanti, di combattere, di vincere la sua battaglia. E' la tua mamma che ci deve credere prima di tutti, e tu è in questo che la puoi aiutare. Lei vi conosce, siete le sue figlie, saprà sicuramente cosa state provando! Anche lei avrà o ha avuto la sua mamma, se riuscite a trasmetterle tranquillità serenità e forza e uno spendido sorriso, c'è la farete. Poi se ti viene da piangere, piangi sfogati non tenerti la rabbia dentro, ma non farti vedere dalla tua mamma. Lei ha bisogno dei vostri sorrisi. La forza la riuscirete a trovare, e forse vi stupirete di trovarvene tanta addosso.
Pensate positivo, e siate positive.
Non dimenticate vostro papà, anche lui ha bisogno di voi.
Adesso tocca a noi, i nostri genitori ci sono stati accanto fino ad ora e lo faranno ancora a lungo, ma adesso hanno bisogno di noi, del nostro sorriso e della nostra forza!
Vi abbraccio.
Rossana

a una mamma che non c'è più

ciao mamma mi manchi tanto e la vita non è più come prima mi manchi

ho letto la tua lettere e mi

ho letto la tua lettere e mi sn venuti i brividi. pensa che io ho perso mia mamma il 15 8 2011,adesso 25gg fà ,pensa un po cm sto .e ti capisco ma ti devi dare forza e coraggio dovete sempre sorridere ,e se propio devi piangere, fallo ma di nascosto. pensa che io la vorrei tenere cm te , in un letto magari immobile,che al + presto si riprenda .ma no non averla + x sempre .ti lasci con un forte abbraccio ,e sii sempre positiva ok.

mimmo da napoli

sn quello che ha scritto la lettera di prima .mi sn dimenticato di mettere il nome grazie