Riflessioni

: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/unaviolarosa/includes/unicode.inc on line 311.

23/05/08
Sono passati 7 mesi da quell'indimenticabile, indelebile, maledetto giorno. Tante, troppe cose sono cambiate da quel giorno.
La mia fragilità sempre piu' evidente, le mie angosce sempre piu' esasperate.
Il cambiamento emotivo che ormai pervade la mia famiglia.
Odio quel giorno, a volte penso che dovro' associare qualche bel ricordo a tale giorno così da forse alleviare il mio dolore.
Ormai i miei ricordi sono tutti classificati in due categorie: PRE23Ottobre e POST23Ottobre.
Qualsiasi cosa appartenente al PRE è un bel ricordo, TUTTO cio' che appartiene al POST è brutto.
A volte mi sento che non ce la faccio a vivere con questa angoscia, con questo dolore e rimpianto.
Rimpianto per tutto quello che poteva far parte del PRE, ma è accaduto nel POST.

... ...
Mi sento un' altra persona, ho paura! Mi sento debole, strana, confusa. Non sto riuscendo a trovare me stessa, non so dove si sia persa e non so come ritrovarla. A volte credo che non voglio trovarla, ma questo vuoto è deprimente. DIO mio aiutami tu, non riesco a ritrovarmi, non trovo la mia serentà, il mio benessere, la mia felicità, la mia voglia di vivere. Credo che nessuno mi capisca, è dura da spiegare

... ...

Commenti

Viviana

Mi dispiace che tu stia così male,comunque su una cosa hai ragione:ci sono momenti in cui nessuno può capirti se non le persone che hanno condiviso con te quei momenti difficili che hanno scatenato la crisi. L'unica cosa che posso dirti è che, purtroppo, tutti quanti prima o poi nella vita ci troviamo di fronte ad eventi inaspettati che ci cambiano irreversibilmente, ci fanno crollare quelle che prima erano le certezze e le fondamenta della nostra esistenza e ci fanno sentire di colpo smarriti. La sensazione di "non capire più chi si è" è veramente terribile,lo so...ma è da lì che può partire un percorso,molto doloroso,per ritrovare la propria consapevolezza e una nuova coscienza di sè. Forse alla fine ci sentiremo più forti e non tutto quello che adesso ci fa stare così male finirà per rivelarsi inutile...
Un abbraccio, Viviana

valentina

beh..che dire..non ci sono parole per spiegare l'angoscia di queste ulime 24 ore..tutto forse sembrava andasse male ma in realtà era un barlume di speranza che adesso è sempre più distante e irraggiungibile.io rimango dell'idea che nulla avviene per caso e se è successo evidentemene era così che doveva andare..così che dovevamo cambiare,maturare,diventare adulti.e non rimpiango niente di quel ke è stato,è,e che inevitabilmente sarà se tutto questo mi ha aiutato,aiuta e aiuterà a capire che nella vita niente va preso per scontato e che la vita è imprevedibile e non possiamo stare lì a cullarci dell'oggi e fregarcene del domani.
so anche che la speranza è ciò ke ci può aiutare ad andare avanti..la speranza dell'alba di un giorno nuovo sereno..

vale

arrivigliamuniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!

Rosy

ma di cosa ti lamenti? ma se non mi fai collegare mai che ci sei sempre tu al pc!? :D

Cmq pazientate ancora un po', presto inserisco qualche contenuto, purtroppo ho avuto pochissimo tempo.
A presto